whatsapp-image-2017-10-23-at-18-28-29

Jewish marriage

 

Jewish marriage is a wedding ceremony that follows the Jewish Law and tradition. We have outlined the common aspects of a Jewish marriage: from the ketubah (marriage contract) that is signed by two witnesses, to the cloth canopy (chuppah or huppah), to the ring owned by the groom who is given to the bride while the couple is under the canopy. The bride will make arrangements to make the Tevilà (ritual bath) in the Mikvè. The Mikvè is a tank containing source water or water coming in contact with source water or rainwater. This ritual bath must be done before the wedding.


whatsapp-image-2017-10-23-at-18-28-27

ll matrimonio ebraico 

Il matrimonio ebraico è una cerimonia di nozze che segue la Legge e tradizione ebraica. Abbiamo tratteggiato gli aspetti comuni di un matrimonio ebraico: dal ketubah (contratto matrimoniale) che viene firmata da due testimoni, al baldacchino di stoffa (chuppah o huppah), all’ anello di proprietà dello sposo che viene dato alla sposa mentre la coppia si trova sotto il baldacchino. La sposa prenderà accordi per fare la Tevilà ( bagno rituale) nel Mikvè. Il Mikvè è una vasca contenente acqua di fonte o acqua venuta a contatto con acqua di fonte o acqua piovana. Questo bagno rituale dovrà essere fatto prima del matrimonio.

Mishmarà

Secondo la tradizione, i genitori la sera precedente alle nozze invitano nella propria casa i parenti stretti ed un rabbino che officerà la cerimonia. Dopo la cerimonia religiosa inizierà la parte conviviale, durante la quale verrà offerto un piccolo rinfresco a tutti i partecipanti, a cui verranno donati, alla fine della serata, sacchetti (chavod) contenenti dolci tipici della cucina ebraica romana. Il matrimonio nell'ebraismo costituisce uno dei doveri più importanti e quando una coppia decide di sposarsi, deve presentarsi all'ufficio rabbinico che provvederà a comunicare tutte le informazioni necessarie per stabilire la data delle nozze e per porre le basi per la fondazione di una casa e di una famiglia ebraica. Nell'atto delle pubblicazioni gli sposi dovranno dichiarare che intendono celebrare le nozze presso il Tempio Maggiore di Roma o in un altro luogo e dovranno consegnare all'Ufficio di Stato Civile del Comune, oltre ai certificati richiesti dalla legge, una richiesta dell'ufficio rabbinico. Le pubblicazioni non si possono fare di sabato, giorno di festa ebraica.

Digiuno

Il giorno delle nozze è considerato un giorno di perdono e, in quanto tale, alcune coppie scelgono di digiunare il giorno del loro matrimonio, proprio come avrebbero su Yom Kippur (il giorno dell'espiazione). Il digiuno della coppia dura fino al primo pasto insieme dopo la cerimonia di nozze.

Velo

Prima della cerimonia, lo sposo si avvicina alla sposa per i letti, o il velo. Lui la guarda e poi le scopre il velo sul il viso. Questo significa che il suo amore per lei è per la sua bellezza interiore, e anche che i due sono individui distinti anche dopo il matrimonio.

Ketubah

La ketubah è un accordo ebraico che descrive le responsabilità dello sposo verso la sua sposa. Detta le condizioni che egli fornirà nel matrimonio, le protezioni e i diritti delle spose, e il quadro se la coppia scelga di divorziare. Le Ketubah non sono documenti religiosi, ma fanno parte della legge civile ebraica, per cui non si parla di Dio che benedica l'unione. La Ketubah è firmata dalla coppia e due testimoni prima della cerimonia, poi viene letti agli ospiti durante la cerimonia.

La passeggiata al Chuppah

In molte comunità c'è la consuetudine che lo sposo venga condotto fin sotto la Chuppah da due persone, generalmente le più anziane e sagge, una alla sua destra e l'altra alla sua sinistra, anche per la sposa vi è questa usanza, dedotta dal libro della genesi

Voti sotto la Chuppah

Un chuppah ha quattro angoli e un tetto coperto per simboleggiare la nuova casa che stanno costruendo insieme. In alcune cerimonie, i quattro posti della chuppah vengono sostenuti da amici o membri della famiglia durante la cerimonia, sostenendo la vita che la coppia sta costruendo insieme, mentre in altri casi può essere una struttura decorata con fiori. Il baldacchino è spesso costituito da un tallit, o uno scialle di preghiera, appartenente ad un membro della coppia o delle loro famiglie.

Giro

La sposa tradizionalmente gira intorno al suo sposo tre o sette volte sotto la chuppah. Alcune persone credono che questo sia quello di creare un muro magico di protezione dagli spiriti maligni, dalla tentazione e dagli sguardi di altre donne. Altri credono che la sposa crea simbolicamente un nuovo cerchio familiare. Oggi, la sposa e lo sposo possono circolare insieme o intorno a loro, disegnando orbite indipendenti e complementari.

Sheva B'rachot: sette benedizioni

Le sette benedizioni, chiamate Sheva B'rachot, provengono da insegnamenti antichi. Essi vengono spesso letti in ebraico e in inglese e condivisi da una varietà di familiari o amici, proprio come amici e familiari sono invitati a eseguire letture in altri tipi di cerimonie. Le benedizioni si concentrano sulla gioia, sulla celebrazione e sul potere dell'amore. Cominciano con la benedizione su un bicchiere di vino, poi progrediscono in più grandi e celebrativi dichiarazioni, finendo con una benedizione di gioia, di pace, di compagnia e dell'opportunità per la sposa e lo sposo di gioire insieme.

Rottura del vetro - Mazel Tov!

Quando la cerimonia si conclude, lo sposo (o in alcuni casi la sposa e lo sposo) è invitato a passare su un bicchiere all'interno di un sacchetto di stoffa per rompere. La rottura del vetro ha significati multipli. Alcuni dicono che rappresenta la distruzione del Tempio a Gerusalemme. Altri dicono che dimostra che il matrimonio ha il dolore e la gioia ed è una rappresentazione dell'impegno di stare in piedi anche in tempi difficili. Il panno che tiene i frammenti di vetro viene raccolto dopo la cerimonia e molte coppie scelgono di farlo incorporare in una sorta di memento del loro giorno di nozze. Si grida  "Mazel tov!" una volta che la cerimonia è finita e il vetro è rotto. Sentirete gli ospiti allegri dire anch’essi  "Mazel tov!" perché la parola ha significato simile a ”buona fortuna" o "congratulazioni". Non c'è miglior momento per dire "mazel tov" che in un matrimonio! Il bicchiere è solitamente una coppa di vetro, avvolta nel tessuto. Lo sposo rompe il bicchiere con il piede destro.

Yichud

Dopo la cerimonia, la tradizione impone che le coppie trascorrono circa 18 minuti in yichud. Questa abitudine consente alla coppia appena sposata di riflettere privatamente sul loro nuovo rapporto e consente loro solo tempo prezioso per legarsi e gioire. E’ anche consueto per la sposa e lo sposo condividere il loro primo pasto insieme come marito e moglie durante il yichud. I pasti ordinari differiscono dalla comunità alla comunità e possono variare dalla "zuppa d'oro" degli Ashkenazim (detto per indicare la prosperità e la costruzione di forza) ai biscotti al cioccolato da parte della nonna. Ebraica o no, è una grande idea per ogni coppia di godersi i loro primi momenti come marito e moglie da sola insieme - quale modo romantico di scendere prima delle festività. Abbiamo cercato in questa breve nota di dare un'idea sintetica della bellezza del rito del matrimonio ebraico .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.